Anatra all’arancia
Origine: -
Tipo di portata: Seconda Portata

Ingredienti:
1 anatra piccola 2 cucchiai di burro mezzo bicchiere di cognac 1 cucchiaio di aceto 1 cucchiaio di zucchero 8 arance 1 bicchierino di liquore all’arancia 1 bicchierino di liquore di albicocca o di mandarino sale e pepe.

Procedura:
Preparare l’anatra intera alla cottura; strofinarla, dentro e fuori con una miscela di sale e pepe; sistemarla in una capace casseruola e rosolarla dolcemente con il burro. Quando sarà tutta rosolata, abbassare la fiamma, coprire il recipiente e proseguire la cottura per 45 minuti.
A questo punto, bagnare il volatile con il cognac e farlo cuocere ancora per altri dieci minuti. Alla fine, toglierlo dal recipiente e sistemarlo nel piatto da portata, a parte, mantenendolo bene al caldo.
Filtrare il sugo di cottura; raccoglierlo in una casseruola pulita, e diluirlo con l’aceto, mescolato per bene allo zucchero. Lasciare che il liquido raggiunga l’ebollizione; quindi aggiungervi ancora il liquore d’arancia, quello di albicocca (o di mandarino) ed il succo di tre arance.
Sbucciare le rimanenti arance; affettarle orizzontalmente ed insaporirle nel forno di cottura, scaldandole senza lasciarle bollire. Infine disporle tutto intorno all’anatra e colare il sughetto bollente su tutta la pietanza.
Servire subito.
Nota:originario dell’Asia, l’arancio era noto a Indiani e Cinesi di ben duemila anni fa. Il suo frutto, il "frutto d’oro" del giardino delle Esperidi, giunto in Europa (in Spagna per essere precisi) ad opera degli Arabi, fu poi divulgato nel resto del continente dai Crociati e, successivamente, dai mercanti genovesi e portoghesi, i quali ultimi lo portarono fino nelle Americhe.
TORNA ALL’ELENCO
Limoni
orange Moon
Anuga 2011